17 MARZO/ MATTARELLA: L

ROMA\ aise\ – “La “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”, voluta dal Parlamento dopo le celebrazioni del 150* anniversario dell’unità d’Italia, celebra la data di nascita del nostro Paese, finalmente unito”. È quanto ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 155° anniversario dell’unità d’Italia. “Viviamo una stagione di straordinari cambiamenti e di sfide nuove e impegnative: l’unità del Paese può darci moltissimo, è un valore aggiunto decisivo nel contesto europeo e mondiale sempre più dinamico e interdipendente”, ha continuato il Capo dello Stato, che, dopo l’Etiopia, da oggi è inCamerun.
“Dalla storia comune – ha ricordato Mattarella – abbiamo tratto e possiamo ancora trarre grandi risorse. È accaduto in passato quando sono stati affrontati momenti difficili e passaggi drammatici. Lo spirito del Risorgimento, che ha avviato e compiuto il primo percorso unitario, è tornato a vivere ed è stato reinterpretato nella lotta di Liberazione dalla dittatura e dall’occupazione straniera. Oggi la Repubblica, per scelta degli italiani, è la nostra casa comune, e la Costituzione democratica ne è diventata il fondamento. Insieme, nell’Unione Europea, siamo oggi più forti, più solidali e dunque più competitivi. Più unito è il Paese, migliore sarà la crescita in termini di durata e di sostenibilità. Quando si aprono fratture, invece, diventiamo tutti più deboli. Le istituzioni per prime sono chiamate a dare l’esempio di collaborazione, di responsabilità, di trasparenza nel servizio al bene comune”.
“L’unità è anche un ideale”, ha sottolineato. “Questo testimonia la nostra storia nazionale. La Costituzione, l’inno e la bandiera ne sono simboli. È ciò che intendiamo oggi celebrare, dialogando soprattutto con le giovani generazioni, che stanno affrontando problemi inediti e che abbiamo la responsabilità di accompagnare verso un futuro di libertà e di coesione”. (aise) 

Comments are closed.