In anteprima, in contemporanea con Roma, per ricordare il Centenario della Grande Guerra

ROMA – Tutte le sedi diplomatiche e istituzionali italiane nel mondo il 4 novembre saranno unite da un evento: la presentazione in anteprima del film “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi. La proiezione si terrà nell’ambito delle attività organizzate per ricordare il Centenario della Prima Guerra Mondiale, nel giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate italiane. L’iniziativa è nata su impulso della presidenza del Consiglio, della Farnesina e del ministero della Difesa. Il lungometraggio, ambientato sul fronte del Nordest dopo gli ultimi sanguinosi scontri del 1917 sugli Altipiani e prendendo spunto dai ricordi di un pastore che era anche una guida per i soldati, è ispirato alle vicende dei “recuperanti”, coloro che andavano a recuperare le bombe inesplose dopo il conflitto.

Il film ripercorre gli eventi di un’unica notte e sarà proiettato in contemporanea in quasi 100 Paesi da ambasciate, consolati generali e dagli Istituti italiani di cultura. Inoltre, grazie alla collaborazione con Palazzo Baracchini, potranno assistere alla proiezione anche i nostri militari schierati in Afghanistan, Kosovo e Libano. Si tratta di un evento senza precedenti che per la prima volta coinvolgerà tutto il mondo, come la Grande Guerra di cui quest’anno ricorre il Centenario. Come a voler stringere in un unico abbraccio nazioni che per motivi diversi sono state protagoniste di un pezzo di storia che ha segnato l’umanità e quelle che ancora oggi sono teatro di conflitti. Tutte destinatarie di un richiamo alla pace – di cui il regista italiano si fa portavoce attraverso il film.

In quello stesso giorno, la presidenza del Consiglio, il ministero dei Beni e delle attività culturali, i produttori del film hanno organizzato a Roma un’anteprima del film alla presenza del capo dello Stato, delle più alte cariche istituzionali e del corpo diplomatico italiano e internazionale. (Inform)

 

 

Comments are closed.