ROMA\ aise\ – Niente riforma elettorale.La Commissione Affari Costituzionali del Senato ha ufficialmente gettato la spugna, togliendo la riforma del “Porcellum” – ma anche il ddl sul riordino delle province – dal suo ordine del giorno. La decisione è stata comunicata ieri pomeriggio all’Aula dal Presidente del Senato Renato Schifani che ha quindi convocato le altre sedute della settimana, in cui la riforma avrebbe dovuto essere esaminata, convocando l’Aula il 17 dicembre per la legge di stabilità. L’anno prossimo si andrà, dunque, a votare con la vecchia legge, anche all’estero. Su quest’ultimo punto, però, durante l’assemblea plenaria del Cgie, il senatore Pd Claudio Micheloni aveva parlato della possibilità di adottare comunque alcune modifiche per il voto all’estero.

Questo perché, spiegava Micheloni, l’articolo 3 del testo-Malan, quello che parla di voto all’estero, “è stato votato all’unanimità: prevede l’inversione del diritto d’opzione dalla XVIII legislatura; l’istituzione del comitato elettorale in ogni consolato, responsabile con il Console della gestione e della consegna del materiale elettorale, e l’inserimento del certificato elettorale con fotocopia del documento nel plico”. In ogni caso, concludeva, “se il testo della riforma elettorale crolla per mancanza di accordi tra i partiti, o al Senato o alla Camera, c’è comunque un’intesa tra le forze politiche al fine di fare uno stralcio dell’articolo 3, per farlo “camminare” indipendentemente dalla legge”.

Tutto ciò, salvo l’ormai imminente scioglimento delle Camere. (aise)

 

 

Comments are closed.