WASHINGTON\ aise\ – “Symposium – Food for Mind, Body and Soul” è il titolo di una mostra che si terrà dal 27 febbraio al 15 maggio presso l’Ambasciata d’Italia a Washington e in cui verranno esposti circa trenta rari reperti archeologici recuperati dall’indotto clandestino grazie alle indagini della Guardia di Finanza. Gli artefatti, tutti di inestimabile valore, provenienti da corredi sepolcrali e siti archeologici della Magna Grecia, dell’Etruria e del Sannio, sono accomunati dal tema del cibo. L’iniziativa sarà infatti un preludio a Expo Milano 2015, che avrà luogo dal 1° maggio al 31 ottobre ed il cui tema centrale sarà quello del cibo e della nutrizione globale.

Anfore per il trasporto del cibo, crateri per mescolare, vasi per versare il vino e coppe per bere, ma anche un busto di satiro e alcuni ritratti serviranno a riprodurre nella nostra sede diplomatica l’atmosfera degli antichi simposi, banchetti dedicati agli intrattenimenti, alla conversazione, alla musica e alla poesia.

“Questa mostra è di grande interesse per almeno tre motivi”, ha spiegato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero. “Primo, perchè darà al pubblico di Washington un’occasione per ammirare dei pezzi di grande pregio storico ed artistico. Secondo, perchè ci permetterà di rivivere le atmosfere dei simposi dell’antichità, celebrate da innumerevoli autori classici, da Platone a Plutarco. Terzo, perchè mette in luce la grande dedizione e professionalità dei militari della Guardia di Finanza italiana, impegnata sia in Italia che all’estero con risultati eccellenti a contrastare i traffici di organizzazioni criminali senza scrupoli”.

Comments are closed.