ROMA – Expo Milano 2015, incentrata sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, darà l’occasione ai Paesi partecipanti, alle Organizzazioni internazionali, alla società civile ed al settore privato di confrontarsi su idee e soluzioni per promuovere la sicurezza alimentare e nutrizionale e, allo stesso tempo, una significativa diminuzione degli sprechi e delle perdite alimentari attraverso l’applicazione di politiche coerenti, trasferimenti di tecnologia, il miglioramento dei sistemi di produzione, un migliore accesso ai mercati e modelli di distribuzione e consumo aggiornati.

Il calendario degli eventi della Cooperazione Italiana ad Expo alla pagina http://www.esteri.it/mae/resource/doc/2015/04/calendario_dgcs_expo.pdf

Focalizzare attenzione mondiale su temi essenziali per lo sviluppo

Per l’elevato numero di partecipanti e di visitatori attesi, Expo rappresenta una straordinaria opportunità per focalizzare l’attenzione mondiale su temi essenziali per lo sviluppo e promuovere una vera e propria partnership fra tutti gli attori coinvolti e per svolgere una mirata azione di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini sui grandi temi dello sviluppo globale e della sostenibilità.

Temi cruciali

La Cooperazione italiana ha definito una partecipazione ad Expo incentrata su temi cruciali quali l’Agenda di sviluppo post-2015 e la sicurezza alimentare e nutrizionale; l’empowerment delle donne; la coerenza delle politiche per lo sviluppo; la scienza e tecnologia per lo sviluppo agricolo sostenibile; perdite alimentari e sprechi; acqua ed energia.

La partecipazione

La partecipazione si caratterizzerà per una presenza nel percorso fisico, con documentazione fotografica nel Padiglione Zero e installazioni multimediali sui più rilevanti progetti realizzati; ed una trentina di attività rivolte sia al grande pubblico che ad esperti, che includono conferenze e seminari, summer camp per bambini e studenti dalle scuole elementari ai licei ed un concerto celebrativo della Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Il programma di eventi è frutto di un’intensa consultazione con l’Unione Europea, le Agenzie delle Nazioni Unite, organismi internazionali e altri partner come ONG, università, istituzioni scientifiche e di ricerca, settore privato.

Agli eventi è prevista la partecipazione di rappresentanti delle Nazioni Unite, della Commissione Europea (fra cui il Commissario allo Sviluppo Neven Mimica), del Governo italiano e di governi dei Paesi partner. Interverranno figure di spicco del mondo accademico e della ricerca internazionale, fra cui il premio Nobel Amartya Sen che terrà il “keynote speech” alla conferenza del 14 maggio sulla nuova Agenda per lo sviluppo ed il Prof. Jean-Paul Fitoussi, che svolgerà un ruolo analogo il giorno successivo, 15 maggio, nel corso del workshop tecnico-scientifico.

La DGCS sosterrà inoltre gli oneri per l’organizzazione in Expo di due conferenze ministeriali dedicate ai Paesi africani meno avanzati (LDCs) e agli stati insulari in via di sviluppo (SIDS). Specifica enfasi sarà posta sulla sicurezza alimentare, l’agricoltura sostenibile, l’energia, e le sfide costituite da cambiamenti climatici e disastri naturali. Entrambe le iniziative offriranno l’occasione per confermare la priorità che l’Italia attribuisce al continente africano e alle piccole isole del Pacifico e dei Caraibi.

L’“Anno europeo per lo sviluppo”

L’esposizione milanese coinciderà inoltre con l’“Anno europeo per lo sviluppo”, proclamato per il 2015 con il motto “Il nostro mondo, la nostra dignità, il nostro futuro” e con gli obiettivi di informare e sensibilizzare i cittadini europei sull’azione dell’UE e degli Stati Membri nel campo della cooperazione e sui benefici dell’attività di cooperazione tanto per i Paesi Europei che per i Paesi partner. Il programma di eventi della Cooperazione costituirà il nucleo delle attività per l’Anno Europeo. Ad esse faranno da complemento le attività di sensibilizzazione per le quali la DGCS potrà avvalersi di un contributo della Commissione Europea: un’ampia campagna di comunicazione con il supporto di un’agenzia specializzata; le prime edizioni della settimana della cooperazione allo sviluppo nelle scuole; un ciclo di conferenze nelle Università Italiane, in collaborazione con la  CRUI.(Inform)

 

Comments are closed.