LONDRA\ aise\ – “L’Italia entra nel “cervello” di Facebook. Parliamo del suo cervello tecnologico, dei suoi software, dei suoi algoritmi. Ed il merito di questo passaggio, di questa “conquista” (enfatizzando un po’) è di Dino Distefano il genio informatico che viene dalla provincia catanese (è di Biancavilla) ma è poi migrato a Londra perché per lui nelle università italiane non c’era posto”. Non è la prima volta che il nome del giovane scienziato sale alla ribalta della cronaca. È già accaduto con il Corriere della Sera, che oggi ne parla di nuovo, ma anche con il settimanale Panorama. Tant’è: quella di Dino Distefano è l’ennesima storia di successo italiano all’estero.

Riportiamo di seguito l’articolo pubblicato oggi dalla versione on line del Corriere.

“L’ACQUISIZIONE – Cominciamo con l’ultimo capitolo della sua storia. Facebook ha comperato la “Monoidics”, la start up che lo stesso ricercatore quarantenne, oggi docente alla Queen Mary University, ha fondato coi suoi amici e colleghi (Cristiano Calcagno un altro italiano, poi Peter O’Hearn e il coreano Hongseak Yang). È un team affiatato di scienziati che ha stabilito il suo quartier generale nell’East londinese, nella Silicon Valley londinese.

IL PROGRAMMA – Dino Distefano, che partendo dalla “età della pietra”, come ha sempre confessato, cioè dalla passione adolescenziale per il Commodore, è arrivato a guadagnarsi nel novembre scorso il premio più prestigioso della Royal Society, ha inventato e brevettato il “software dei software”, ovvero quella “medicina” che consente di monitorare preventivamente i sistemi tecnologici, correggendo in tempo gli errori e impedendone il default.

MONOIDICS – Il “software dei software”, chiamato Infer, ha da subito attirato le attenzioni di grandi multinazionali del settore aerospaziale e automobilistico (ad esempio Airbus e Mitsubishi lo hanno adottato per rilevare i difetti dell’elettronica sui velivoli prima dell’accensione dei motori e degli impianti di frenata). Ora il colpo grosso.

FACEBOOK – Il colosso dei social network ha proposto alla Monoidcs l’accordo: vi compriamo, entrate e lavorate per noi nella nostra sede di Londra. Il motivo lo spiegano gli stessi responsabili di Facebook: “Monoidics produce il migliore software di analisi di altri software, in grado di identificare ed eliminare i bug. Ed è ciò che noi intendiamo utilizzare per le nostre applicazioni destinate ai dispositivi mobili”.

LE CONSEGUENZE – In pratica, Facebook vuole eliminare i difetti riscontrati nella digitazione e nella consultazione del social network attraverso i cellulari e i tablet. Per farlo ha valutato e ha scelto: l’intero team dello scienziato Dino Distefano entra nella società di Mark Zuckerberg (i contenuti economici non sono ancora noti). Così in Facebook scorrerà sangue italiano, anche se di nostre eccellenze costrette alla fuga”. (aise)

Comments are closed.