1acristianita2ROMA – Domenica 13 novembre su Rai Italia va in onda una nuova puntata di “Cristianità”
Ogni domenica, suor Myriam Castelli – ideatrice, autrice e conduttrice da 17 anni del programma religioso – propone temi di interesse ecclesiale e gli appuntamenti del papa in Vaticano. Cristianità è uno dei “notiziari vaticani” più attenti e più seguiti all’estero, arricchito dal contributo fondamentale di tanti ospiti in studio: cardinali e alti prelati, riconosciuti studiosi della grande diaspora italiana, insieme a una vasta gamma di esperti, artisti, professionisti, laici e missionari che vivono “on the road”. Un parterre di italiani che si confrontano con i contenuti della fede e i commenti culturali della modernità. Interviste, servizi e collegamenti in diretta via skype con i telespettatori dei cinque continenti.
In ogni puntata, voci, immagini, testimonianze di vita di tutte le generazioni, con le immagini delle feste organizzate dagli italiani in tanti Paesi del mondo dove è presente un’italianità laboriosa, attaccata alla propria terra d’origine e soprattutto alla cultura cristiana.
Puntata del 13 novembre. Il Giubileo dei senza fissa dimora, il popolo degli invisibili, di tutti quelli che sono per strada e di tutti i missionari, le associazioni e i volontari che assistono le persone sole ed emarginate. E’ a loro che papa Francesco dedica l’ultimo appuntamento del Giubileo della Misericordia, una settimana prima della chiusura della Porta Santa della Basilica di San Pietro, ultima ad essere chiusa.
Al centro, la statua simbolo del Giubileo dei clochard, una scultura che raffigura Gesù come un senzatetto, disteso su una panchina avvolto da una copertina leggera; si vedono solo i piedi con i segni dei chiodi della crocifissione. E ancora: la chiusura delle porte sante delle tre principali Basiliche romane e di tutte le porte sante aperte nel mondo durante il Giubileo della Misericordia voluto da papa Francesco.
La messa del papa nella Basilica Vaticana davanti a migliaia di senza fissa dimora giunti da venti Paesi, perlopiù europei, nel giorno della memoria di San Martino di Tours, celebre per aver dato il suo mantello a un mendicante, quando era ancora pagano e soldato dell’Impero Romano. Occasione propizia voluta dal papa per un incontro diretto con le persone più fragili, per mostrare loro il posto che occupano nel cuore di Dio e nella Chiesa.
A mezzogiorno l’Angelus dalla finestra del Palazzo Apostolico ai fedeli radunati in Piazza S. Pietro.
Tra gli ospiti padre Corrado Maggioni, Congregazione del Culto Divino, padre Juan Carlos, superiore generale dei Padri Mercedari e Silvia Guidi, giornalista dell’Osservatore Romano.

Comments are closed.