foodexpojpg

MILANO\ aise\ – Dalla cucina opulenta dipinta nel Seicento da Vincenzo Campi al menù servito presso la base scientifica “Concordia” in Antartide, dove le temperature in inverno toccano – 80°, dalla gastronomia molecolare alle ricette proposte dalla web parodia “Cotto& frullato”, fino al pesce cotto in lavatrice.
Sono alcuni momenti in programma a “Dal quadro al piatto”, cinque visite guidate-conferenze che si terranno, una al mese (21 maggio, 25 giugno, 16 luglio, 17 settembre, 15 ottobre, dalle 9.30 alle 13.00) presso la Pinacoteca di Brera a Milano per Expo 2015.
Il progetto dell’Ufficio stampa del Consiglio nazionale delle ricerche, a cura della giornalista e storica dell’arte Sandra Fiore, è promosso dal Dipartimento di Scienze bio-agroalimentari del Cnr in partnership con la Pinacoteca Brera, la partecipazione di Rigoni di Asiago,la collaborazione di “Fondaco comunicare con l’arte” e “Amici di Brera”.
Per ogni incontro, la direttrice del Polo museale regionale della Lombardia, Sandrina Bandera, presenterà alcuni capolavori pittorici con soggetti alimentari (Campi, Veronese, Tiziano, Caravaggio), a partire dai quali ricercatori, giornalisti ed espertidibatteranno dijunk food, intolleranze, innovazione agraria, “tavola” nel cinema ecome luogo relazione sociale.
Gli incontri termineranno con una degustazione.
Il 21 maggio si comincia con “Profumi da una cucina”, conferenza dedicata all’opera di Vincenzo Campi “Cucina”: si parlerà di cibo spazzatura con Maria Grazia Volpe dell’Istituto di scienze dell’alimentazione del Cnr, mentre Corrado Leone del Dipartimento scienze del sistema Terra e tecnologie per l’ambiente del Cnr e Paolo Loprete della Asl di Milano testimonieranno cosa mangiano i ricercatori al Polo sud.
Maurizio Merluzzo e Paolo Cellammare, autori e protagonisti di “Cotto& Frullato”, racconteranno invece la web parodia che conta oltre 7 milioni di visualizzazioni e un “web show Award” 2014. Modera: Marco Ferrazzoli, capo ufficio stampa del Cnr.
“I sapori della terra” è il titolo dell’incontro del 25 giugno che richiama il dipinto “La fruttivendola” (Vincenzo Campi): la ricchezza di frutta e ortaggi raffigurati consentirà a Claudio Cantini dell’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Cnr di illustrare il progetto di recupero di alcune “specie perdute”. La carota, per esempio, in passato era viola o gialla: quando si diffonde la specie arancione? Il nodo viene sciolto da Dario Bressanini, giornalista di “Le scienze’. Modera: Giovanni Caprara, editorialista scientifico del Corriere della Sera.
Gli interventi del 16 luglio ruotano intorno a “La vita degli alimenti”, a partire dalle opere “I pescivendoli” e “I pollivendoli” (Vincenzo Campi): Sabato D’Auria, direttore dell’Istituto di scienze dell’alimentazione del Cnr, illustrerà l’uso di nanotecnologie e sensoristica per rilevare le contaminazioni nella filiera alimentare; Fabio Fiorentino dell’Istituto per l’ambiente marino costiero del Cnr si soffermerà sull’impoverimento della biodiversità marina a tavola. Concluderà Fabrizio Nonis, chef, autore e conduttore del format turistico-enogastronomico “Sconfinando” e di “Beker-Macellaio in cucina”. Modera: Federico Pedrocchi, giornalista, conduttore di Moebius su Radio 24.
Si torna il 17 settembre con “Cena a casa di Simone” di Paolo Veronese e “Cena in Emmaus” di Caravaggio per affrontare “Il convivio tra metafora e realtà: il valore sociale dello stare a tavola” con la psicologa Maria Paola Graziani; la contraddizione tra spreco e assenza di cibo con Pierpaolo Duce, Istituto di biometeorologia del Cnr; “la tavola” nella cinematografia con Marco Lombardi, giornalista, docente universitario e autore di “Gustose visioni” dizionario del cinema enogastronomico. Modera: Sandra Fiore.
La manifestazione si conclude il 15 ottobrecon il “San Girolamo” di Tiziano e “Siamo ciò che mangiamo”. Gli argomenti: i rischi della dieta “fai da te” a cura di Roberto Volpe del Servizio prevenzione e protezione del Cnr; intolleranze alimentari (che interessanocirca il 5% della popolazione mondiale), il mercato e la moda del gluten free illustrati da Mauro Rossi dell’Isa-Cnr; Davide Cassi, docente di Fisica della materia edesperto di cucina molecolare, spiegherà cometrasformare un caffè espresso ingelato grazieall’azoto liquido e come cucinare il pesce in lavastoviglie. Modera: Fabrizia Sernia, giornalista scientifica, direttore Aida Informazioni, rivista di Scienze dell’informazione. (aise) 

 

Comments are closed.