FINISCE L

NEW YORK\ aise\ – “Da sabato 2 gennaio (per la festività di Capodanno domani “America Oggi” non viene pubblicato) i lettori non troveranno più l’edizione internazionale de “la Repubblica” inserita all’interno del giornale. Il Gruppo Editoriale L’Espresso ha deciso di interrompere la diffusione del suo quotidiano negli Stati Uniti. La distribuzione congiunta delle due testate durava da 16 anni e l’interruzione è conseguenza della crisi che ormai da anni travaglia il settore dell’informazione”. A darne notizia è Andrea Mantineo, direttore di “America oggi” nell’edizione odierna del quotidiano.
“”Prendere questa decisione è stato tutt’altro che facile – dice Corrado Corradi, direttore generale della Divisione Stampa Nazionale del Gruppo L’Espresso -, ma la perdurante crisi italiana e le previsioni di una ulteriore contrazione del mercato per il prossimo anno hanno anteposto la ragione superiore di garantire un bilancio in ordine al forte desiderio di continuare la nostra avventura americana. Da quasi otto anni, ovvero dall’inizio di questa infinita crisi dell’economia e insieme del nostro business tradizionale, il Gruppo Espresso, unico esempio in Italia e forse anche oltre confine, è riuscito a non chiudere nessun trimestre in perdita e, contemporaneamente, ad azzerare il debito. Questo anche grazie a enormi sacrifici e all’adozione di una severissima politica dei costi. Misure necessarie per consentire ai nostri giornali e a tutti coloro che vi lavorano di affrontare il non facile futuro con basi solide e la necessaria serenità. Desidero ringraziare America Oggi per questa lunga e fortunata collaborazione”.
Comprendiamo le ragioni che sono alla base della decisione del Gruppo L’Espresso, ma al tempo stesso ci rammarichiamo di non poter più offrire ai lettori un quotidiano che dal 1999 ha arricchito e dato prestigio ad America Oggi, costituendo anche un termine di paragone e uno sprone per la nostra redazione.
Nonostante la crisi che colpisce anche il nostro giornale, ci impegniamo a raddoppiare gli sforzi per fornire giornalmente ai lettori un’informazione quanto più completa, aggiornata e imparziale, cercando anche di sopperire alla mancanza de “la Repubblica” con nuovi servizi e prodotti editoriali che, confidiamo, saranno di loro gradimento”. (aise)

Comments are closed.