ROMA – Il Consiglio dei Ministri, nella riunione di ieri, ha nominato 40 sottosegretari, nei limiti imposti dalla legge. Dei nuovi sottosegretari, dieci assumeranno le funzioni di viceministro.

Ai sottosegretari parlamentari, come già annunciato dal presidente del Consiglio Letta nel discorso alle Camere, non sarà corrisposto lo stipendio aggiuntivo. Inoltre gli uffici di diretta collaborazione dei viceministri saranno ridotti e uniformati a quelli dei sottosegretari, con la conseguenza che non ci sarà alcun costo aggiuntivo collegato alla suddetta nomina.

Di seguito l’elenco dei nuovi viceministri e sottosegretari.

Presidenza del Consiglio: Giovanni Legnini (Editoria e Attuazione Programma); Sesa Amici (Rapporti con il Parlamento e coordinamento attività di Governo); Sabrina De Camillis (Rapporti con il Parlamento e coord. attività Governo); Walter Ferrazza (Affari Regionali e Autonomie); Micaela Biancofiore (Pari Opportunità); Gianfranco Miccichè (Pubblica Amministrazione e Semplificazione).

Interno: Filippo Bubbico (Viceministro); Domenico Manzione; Giampiero Bocci.

Affari Esteri; Lapo Pistelli (Viceministro); Bruno Archi (Viceministro); Marta Dassù (Viceministro); Mario Giro.

Giustizia: Giuseppe Beretta; Cosimo Ferri.

Difesa: Roberta Pinotti; Gioacchino Alfano.

Economia e Finanze: Stefano Fassina (Viceministro); Luigi Casero (Viceministro); Pierpaolo Baretta; Alberto Giorgetti.

Sviluppo Economico: Carlo Calenda (Viceministro); Antonio Catricalà (Viceministro); Simona Vicari; Claudio De Vincenti.

Infrastrutture e Trasporti: Vincenzo De Luca (Viceministro); Erasmo De Angelis; Rocco Girlanda.

Politiche Agricole Forestali e Alimentari: Maurizio Martina; Giuseppe Castiglione.

Ambiente, Tutela del territorio e del mare: Marco Flavio Cirillo.

Lavoro e Politiche Sociali: Cecilia Guerra (Viceministro); Jole Santelli; Carlo Dell’Aringa.

Istruzione, Università e Ricerca: Gabriele Toccafondi; Marco Rossi Doria; Gianluca Galletti.

Beni, Attività culturali e turismo: Simonetta Giordani; Ilaria Borletti Buitoni.

Salute: Paolo Fadda.

 

Comments are closed.