I cibi italiani più apprezzati dagli americani

Tutti gli articoli

In tema di Made in Italy, è difficile trovare un prodotto che caratterizzi il Belpaese negli Usa meglio del cibo. Gli americani (e più in generale tutti gli stranieri) quando vedono un nostro connazionale, lo etichettano sempre con quelle poche parole della nostra lingua che, più o meno tutti, masticano: “pizza” o “pasta”. Già questo dovrebbe far capire l’influenza che la nostra tavola ha sul popolo d’oltreoceano: qui di seguito proveremo ad analizzarla più in dettaglio.

Italiani pizza, spaghetti (e mandolino) 
Partiamo dal presupposto che la dieta mediterranea è stata inserita, a bontà delle sue proprietà, tra i  patrimoni dell’Unesco. Il grano italiano è senza dubbio uno dei più pregiati in assoluto e la farina che ne deriva, da secoli è fonte primaria di sostentamento. Con l’avvento della globalizzazione, possiamo dire con certezza, anche di grandi ricavi. Pane, pasta, pizza napoletana sono al top delle preferenze oltreoceano. Nel corso dei decenni una miriade di aziende a stelle e strisce ha provato a replicare la qualità dei nostri prodotti, senza però mai riuscirci appieno. Il valore dei singoli ingredienti è di troppo superiore alle copie tentate, e non parliamo solo della farina. Pomodori, mozzarella, olio extra vergine di oliva: tutte eccellenze tricolori mai realmente imitate fino in fondo. Per quanto riguarda la pasta invece, abbiamo visto sopra che la Barilla è tra le aziende con il maggiore successo negli States. Gli spaghetti sono in cima alle preferenze degli yankees (di poco sopra le lasagne), e poco importa come questi vengano cucinati: al pomodoro, al ragù, con un semplice filo d’olio. Talmente completi e semplici che non sono passati di moda nemmeno con l’avvento dei fast food.

picture

Immancabili poi i formaggi, ad iniziare proprio dal Grana Padano e dal Parmigiano Reggiano, perfetti sia da soli che per condire la pasta. Anche la mozzarella di bufala è un’eccellenza assoluta e molto amata oltreoceano: con lei anche altri tipi di formaggio, quali Taleggio, Asiago, Provolone e Pecorino Romano, che si abbinano perfettamente con gli insaccati, su tutti il Prosciutto Crudo di Parma.
Tutti questi prodotti vengono spesso accompagnati dall’intramontabile olio di oliva (chiamato non a caso oro liquido) e dall’aceto balsamico, con il quale gli americani condiscono numerose (per non dire tutte le) pietanze. Pietanze fra le quali non può mancare il pesce alla griglia, sempre più di moda per i palati d’oltreoceano e la carne: seppur negli usa gli hamburger siano uno dei piatti più consumati in assoluto, questi non hanno niente a che vedere, ad esempio, con una succulenta e prelibata fiorentina.

Non solo salato: Italia in prima linea anche per i dolci 
Gli americani sono soliti gustarsi un bel gelato dopo i pasti, di quelli enormi e dai gusti più disparati. Il nostro però è una versione artigianale e di qualità decisamente più alta rispetto al loro ice cream, saporito fino ad un certo punto. Sempre riguardo ai dessert, molto apprezzato è il mascarpone, utilizzato tra le altre cose per il tiramisù, dolce fra i più richiesti in assoluto. E dopo primo, secondo e dessert, come non menzionare il caffè per concludere il tutto: rivisitato in tutte le sue forme anche dalle multinazionali, un bell’espresso è l’ideale per porre la parola fine ad un lauto pasto, rigorosamente all’italiana.