L’AQUILA\ aise\ – -Sabato, 6 aprile, ricorre il quarto anniversario del terremoto che ha distrutto L’Aquila e ucciso 309 persone. Il Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente ha disposto per l’intera giornata di domani il lutto cittadino.

Per commemorare le vittime e mantenere alta l’attenzione su una città ancora da ricostruire, Municipalità, Diocesi e associazioni hanno organizzato un intenso programma che comincerà oggi alle 22.00 quando da Via XX Settembre partirà la fiaccolata che terminerà a Piazza Duomo dove verranno letti i nomi delle vittime del terremoto mentre i Volontari della Croce Rossa libereranno simbolicamente 309 palloncini. Quindi sarà accesa una “Luce della Speranza” donata da ANACI.

La giornata del 6 aprile inizierà alle 9 all’Auditorium Parco del Castello con il Convegno “Ricostruiamo la legalità… partendo da L’Aquila” a cura di Associazione Nazionale Magistrati e LIBERA. Seguiranno l’inaugurazione della mostra fotografica “1424 giorni, una città”; la proiezione di “Terremutati” di Francesco Paolucci e l’intervento musicale degli studenti del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila.

Quindi, dibattito con Gian Antonio Stella, Carlo Bonini, Giuseppe Pignatone e Don Luigi Ciotti.

“Passato, presente, futuro lavori in corso” il tema del convegno promosso dall’ANACI – Associazione Nazionali Amministratori Condominiali e Immobiliari – mentre ad Onna verrà inaugurato l’infobox sulla ricostruzione del Paese e una Mostra permanente allestita con il sostegno dell’Ambasciata tedesca a Roma.

Tornando all’Aquila, alle 11 al Cimitero monumentale verrà deposta una corona d’alloro presso il Sacrario delle Vittime.

Nel pomeriggio, al Ridotto del Teatro Comunale incontro-dibattito con gli studenti delle Scuole Superiori a cura di Fondazione 6 aprile per la Vita sul tema “E se si potesse non morire di terremoto?”.

Alle 18,00 concerto degli allievi della classe di musica jazz del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila diretta dal Maestro Paolo Di Sabatino. Tante le manifestazioni in tutti i comuni del cratere.

Infine, nella Chiesa del Santuario di Roio, alle 21.00 sarà presentato il recital poetico musicale “Voglia di risalire” (Il futuro ci chiama a Roio) eseguito dal Quintetto Cameristico Deltensemble con la partecipazione del Coro del Santuario di Roio a cura di Associazione Musicale Deltensemble, seguito da “Finale Emilia – L’Aquila – Mirandola. Mettiamoci Una Pezza! Città ai ferri corti. Urban Knitting da L’Aquila in Emilia” a cura di Animammersa. (aise)

Comments are closed.