NEW YORK – A City Hall va in scena la grande amicizia tra Bill de Blasio e Ignazio Marino. Due persone che si stimano e che – come ha rivelato il sindaco della Grande Mela – si sentono molto spesso, scambiandosi email ma anche inviandosi messaggini con lo smartphone. E chissà che non sia nata proprio con un sms l’idea dell’incontro che di fatto chiude la pausa estiva del sindaco di Roma, passata lontano da tutto e da tutti.

Un incontro di lavoro, quello con de Blasio, “per dare seguito agli impegni emersi nel recente incontro col Papa s Roma sul drammatico tema dei cambiamenti climatici”, si legge in una nota del Campidoglio. Ma che per Marino rappresenta una vera e propria boccata di ossigeno dopo le feroci polemiche delle ultime settimane.

L’amico Bill non lesina parole di affetto e di stima nei suoi confronti: “Lo accolgo sempre molto calorosamente. Per me è sempre un piacere ed un onore essere in contatto con Ignazio con cui condividiamo una comune visione sulle riforme necessarie e sulla lotta alla corruzione”, afferma de Blasio parlando alla stampa italiana convocata al termine del faccia a faccia col sindaco di Roma.

Marino – che era risucito ad entrare a City Hall dribblando giornalisti e operatori che lo attendevano da ore all’ingresso – non puo’ che sorridere. Dall’Italia è un fiume di critiche, non ultima quella della sua vacanza, giudicata troppo lunga in un periodo cosi’ delicato per le sorti di Roma. A New York, invece, un’accoglienza riservata a pochi. “Ignazio merita grande credito per quello che sta facendo. E non è facile”, insiste de Blasio, che parla di un sindaco “coraggioso” per come sta cercando di cambiare la realtà nella sua città.

Marino, intervenendo a sua volta, ricambia, sottolineando le molte sfide comuni che hanno due metropoli come Roma e New York. “Sono moltro orgoglioso dell’amicizia della città di New York e del sostegno di un vero democratico e un vero riformista, che non teme mai di cambiare le cose”.

Il sindaco di Roma non prende le domande dei giornalisti. Ma trova comunque il modo per togliersi un sassolino dalla scarpa: “Spesso cambiare le cose comporta farsi dei nemici. Ma se a fine giornata non hai tanti nemici vuol dire che non hai fatto la cosa giusta”.

E dopo un lungo abbraccio con Bill, adesso per Marino è proprio l’ora di rientrare in Italia.  (America Oggi del 3 settembre 2015 /Inform)

 

Comments are closed.