LATORREjpgROMA\ aise\ – Tre mesi di proroga per Massimiliano Latorre, autorizzato oggi dalla Corte Suprema indiana a restare in Italia per degenza fino al 15 luglio. I giudici di New Delhi non sono voluti “entrare nel merito delle sue condizioni di salute”, ma, sollecitati nell’udienza del 7 aprile dal procuratore generale, che ha chiesto a nome del governo indiano di discutere in tempi rapidi la richiesta di proroga della degenza italiana di La Torre, hanno annunciato la decisione al termine di un dibattito durato circa 20 minuti.

Durante il dibattito è stato brevemente riesaminato l’iter giudiziario in cui sono sono coinvolti Latorre e Salvatore Girone, quest’ultimo ancora in India. I giudici hanno ricordato l’esistenza di un ricorso italiano contro la presenza della polizia antiterrorismo Nia e hanno disposto la fissazione di un’udienza entro la fine di aprile.
Massimiliano Latorre è stato operato ad inizio gennaio per un’anomalia congenita al cuore. Era il terzo ricovero al Policlinico San Donato da quando, lo scorso agosto, è stato colpito da una grave ischemia ed ha ottenuto il permesso di rientrare in Italia per curarsi. Il fuciliere di Marina si trova nella sua abitazione, a Taranto, dal 13 settembre scorso. (aise) 

Comments are closed.