ciampig

ROMA\ aise\ – Carlo Azeglio Ciampi si è spento questa mattina a Roma all’età di 95 anni. Ilpresidente emerito era ricoverato da alcuni giorni nella Clinica Pio XI, dopo un peggioramento delle sue condizioni di salute.
Nato a Livorno nel 1920, Ciampi è stato presidente della Repubblica dal 1999 al 2006. È stato anche, per 14 anni, governatore della Banca d’Italia e presidente del Consiglio nel 1993.
Decimo presidente della Repubblica, fu eletto il 13 maggio 1999 in sole 2 ore e 40 minuti: record assoluto di velocità, con un solo scrutinio, poiché la sua candidatura vide l’accordo trasversale tra Veltroni, Fini e Berlusconi e Ciampi ottenne 707 voti su 990 votanti.
Ricordato da tutti come il presidente della sobrietà e dell’orgoglio, fu Ciampi a ripristinare le celebrazioni della Festa della Repubblica con la tradizionale parata del 2 giugno, cancellata “per ragioni di risparmio” da una legge nel 1976. Sempre a Ciampi si deve la decisione di esibire la bandiera tricolore durante l’esecuzione dell’inno nazionale e di rendere omaggio ai tanti dimenticati “padri della patria”.
“L’abbraccio del Governo alla signora Franca. E un pensiero grato all’uomo delle Istituzioni che ha servito con passione l’Italia”, ha scritto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, su Twitter.
Gli ha fatto eco il ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, che sempre a Twitter affida il suo ricordo di Carlo Azeglio Ciampi come “esempio di coerenza, competenza e dignità. Un grande statista italiano”. (aise) 

Comments are closed.