Obama_NapolitanoWASHINGTON – «L’Italia ha fatto grandi progressi in questi 14 mesi, con la comprensione e l’aiuto di forze politiche diverse, e questi progressi possono e devono continuare». Il presidente Giorgio Napolitano incontra Barack Obama nello studio ovale della Casa Bianca e tenta di rassicurare l’America sugli scenari post-voto.

L’incontro a Washington è stata l’occasione per avere «informazioni sulle elezioni e la formazione del governo in Italia», ha spiegato il presidente degli Stati Uniti, che ha definito Napolitano un «leader straordinario per l’Italia e per l’Europa», «un visionario» che ha reso «uno straordinario servizio».

Obama ha ringraziato l’Italia «per l’enorme contributo dato alle missioni internazionali». Napolitano ha tracciato un bilancio anche in vista delle elezioni: «Ho messo in luce come noi abbiamo dato priorità al risanamento finanziario essendo arrivati sull’orlo del disastro di un vero e proprio collasso finanziario». Con Obama «si è discusso dell’Italia e dell’Europa e del rapporto con gli Stati Uniti soprattutto dal punto di vista della ripresa dello sviluppo». I due leader hanno poi «ricordato che ci sono ancora le consultazioni per il nuovo governo che io dovrò fare – ha spiegato Napolitano – : c’è ancora questo pezzo di strada abbastanza in salita che mi toccherà fare». Per il presidente della repubblica «il progresso compiuto» nel cammino per uscire dalla crisi «deve continuare e deve essere integrato e sviluppato con un forte accento sulla crescita anche in ambito europeo».

Napolitano poi non risparmia una stoccata a chi oggi, in piena campagna elettorale, critica il Professore: «Ho un po’ deplorato che dopo 13 mesi di sostegno al governo Monti qualche partito dia ora giudizi liquidatori sulle sue scelte». Obama «è stato assolutamente impeccabile» sulla nostra scadenza elettorale: «Non ha detto nulla sulla possibile soluzione per la formazione del governo». Il leader Usa è preoccupato in vista delle elezioni italiane? «Che si debba andare avanti e non indietro lo spera Obama e lo spero anch’io», ha spiegato il Capo dello Stato.

Nell’incontro con Obama, ha spiegato ancora Napolitano, «ho ritenuto di dover sottolineare l’importanza dei risultati ottenuti nel corso di questi 14 mesi» in Italia «ma ho detto a mia volta che il discorso sullo Stato dell’Unione, in quanto esprimeva la forte combinazione tra obiettivi di riduzione del deficit e di riforma fiscale» rappresenta «una combinazione che deve essere avviata anche in Europa». (La Stampa.it del 15 febbraio 2013)

Inform

 

 

 

Comments are closed.