4papa
ROMA\ aise\ – “Dal primo momento ho sentito che dovevo venire qui, semplicemente, per dire che vi sono vicino e che prego per voi”. Visita a sorpresa questa mattina di Papa Francesco ad Amatrice, dove ha incontrato la popolazione colpita dal sisma del 24 agosto.
Accompagnato dal vescovo di Rieti monsignor Domenico Pompilii, il Santo Padre si è subito recato alla scuola provvisoria di Amatrice per incontrare i bambini e gli insegnanti per poi spostarsi nella zona rossa del paese, per rendere omaggio alle vittime del sisma.
“Ho pensato bene nei primi giorni di questi tanti dolori che la mia visita, forse, era più un ingombro che un aiuto, che un saluto, e non volevo dare fastidio e per questo ho lasciato passare un pochettino di tempo affinché si sistemassero alcune cose, come la scuola”, ha detto il Santo Padre. “Ma dal primo momento ho sentito che dovevo venire da voi! Semplicemente per dire che vi sono vicino, che vi sono vicino, niente di più, e che prego, prego per voi! Vicinanza e preghiera, questa è la mia offerta a voi. Che il Signore benedica tutti voi, che la Madonna vi custodisca in questo momento di tristezza e dolore e di prova”.
Dopo Amatrice, Papa Francesco si recherà anche ad Arquata ed Accumuli.
Nel tweet della giornata il Papa scrive: “A Maria affido le ansie e i dolori delle popolazioni che in tante parti del mondo sono vittime innocenti dei conflitti”. (aise)

Comments are closed.