ROMA – Per gli elettori residenti all’estero non c’è più tempo da perdere. Le schede votate – di colore diverso per ogni ripartizione della circoscrizione Estero e per la Camera e il Senato – devono pervenire agli uffici consolari entro le ore 16 locali di giovedì 21 febbraio. Saranno distrutte quelle che perverranno agli uffici successivamente.

Gli italiani residenti fuori confine che hanno diritto di votare per la circoscrizione Estero sono quasi 3 milioni e mezzo. Questi i numeri contenuti nel decreto Interno-Esteri del 23 gennaio scorso, suddivisi per ciascuna ripartizione: Europa, inclusa Federazione Russa e Turchia: 2.365.170; America Meridionale: 1.338.172; America Settentrionale e Centrale: 400.214; Africa, Asia, Oceania e Antartide: 237.600.

Gli elettori esprimono il proprio voto sulla scheda tracciando un solo segno sul simbolo della lista prescelta o comunque all’interno del rettangolo che lo contiene ed esprimendo, al massimo, due voti di preferenza nelle ripartizioni alle quali sono assegnati due o più deputati o senatori (Europa, America meridionale e America settentrionale, per la Camera; Europa e America meridionale, per il Senato) e un solo voto di preferenza nelle altre ripartizioni.

Il voto di preferenza si attribuisce scrivendo il cognome del candidato ed eventualmente anche il nome e, ove necessario, in caso di omonimia tra candidati della stessa lista, la data e il luogo di nascita nell’apposita riga posta accanto al simbolo della lista votata.

I responsabili degli uffici consolari, per via aerea e con valigia diplomatica, invieranno poi all’Ufficio centrale per la circoscrizione Estero costituito presso la Corte d’appello di Roma le buste con tutte le schede pervenute per ogni circoscrizione consolare.

Le operazioni di scrutinio delle schede pervenute dall’estero avverranno contestualmente alle operazioni di scrutinio dei voti espressi nel territorio nazionale, cioè a partire dalle ore 15 di lunedì 25 febbraio, dopo la conclusione delle operazioni di voto nei seggi nazionali. (Inform)

 

 

Comments are closed.