7ditonno

MONTREAL\ aise\ – “Pierino Di Tonno, 83 anni, non sarà sfrattato: il celebre fotografo italo-montrealese – che ha immortalato personaggi hollywodiani del calibro di Sofia Loren, Al Pacino, Marlon Brando, Marcello Mastroianni, Celine Dion e Monica Bellucci – potrà restare al 6898 St-Laurent. Un “appartamento-museo” di 500 piedi quadrati, che pullula di foto, autografi, negativi, poster e cimeli in un’atmosfera sospesa tra Hollywood e Cinecittà. Lì dove risiede da oltre 40 anni. Così ha deciso la “Régie du logement”, il 20 aprile scorso”. a rilanciare la notizia è Vittorio Giordano nel nuovo numero del settimanale di Monrteal “Il cittadino canadese”.
“Ad invalidare la richiesta di sfratto inoltrata dai proprietari della Fruiterie Milano (Cecilia e Mario Zaurrini), due vizi di forma: la firma dell’avviso di sfratto non è stata apposta dalla persona autorizzata, e l’avviso stesso è stato recapitato al locatario oltre i termini dei 6 mesi previsti dalla legge (con il contratto in scadenza ogni 31 maggio, la lettera doveva essere trasmessa entro il 30 novembre 2015, mentre la data in cui la lettera è stata firmata è il 21 dicembre 2015).
Il problema, però, potrebbe riproporsi l’anno prossimo, quando i proprietari potranno tornare alla carica, e procedere alla ristrutturazione dell’alloggio, che dovrebbe essere suddiviso in due appartamenti. Costringendo Pierino a traslocare.
Uno scenario da incubo che l’anziano fotografo, assistito dall’avvocato Ilario Antonio Gualtieri, non vuole nemmeno prendere in considerazione: “Sono 43 anni ormai che vivo qui – dichiara Pierino Di Tonno – : andare via significherebbe morire due volte, senza contare che tutta la memoria della Comunità italo-canadese andrebbe persa. Mi auguro che il proprietario cambi idea e che nel frattempo entri in vigore la nuova legge (proposta da Québec solidaire) che tutela i locatari più anziani”. A ‘salvare’ Pierino è stata anche la risonanza mediatica e l’opinione pubblica che si è schierata dalla sua parte.
Anche se non ha potuto evitargli il “tempestivo” aumento dell’affitto, che dal 1º luglio salirà a 525 $ al mese.
Tutt’altra storia per i circa 4.000 sfratti che si sono verificati negli ultimi 15 anni nella Piccola Italia, un terzo dei quali ai danni di over 65.
È il grido di allarme del ‘Comité logement de la Petite Patrie’, attraverso le parole di Martin Blanchard: “Milano ha inviato lo stesso avviso di sfratto ad altri 2 locatari, guarda caso tra quelli che pagavano l’affitto meno caro: una situazione che si ripete sempre più spesso nel quartiere, con centinaia di persone che ogni anno vengono messe alla porta. Chiediamo una migliore protezione legale per gli inquilini e ci auguriamo che la “Régie du logement” applichi in maniera più rigorosa la legge”.
Legge alla mano, però, i proprietari hanno il diritto di procedere allo sfratto degli inquilini in caso di lavori di ingrandimenti o nuove suddivisioni: la speranza del ‘Comité logement’ è che Québec proceda ad approvare la legge 492, depositata l’anno scorso, che prevede l’obbligo del proprietario di trovare un appartamento equivalente che corrisponda ai bisogni dell’inquilino sfrattato”. (aise) 

Comments are closed.