raiTALIA

 

Papa Francesco in America Latina dal 5 al 13 luglio. Tappe: Ecuador, Bolivia e Paraguay. Il primo abbraccio con la folla sarà a Guayaquil (Ecuador)

 

ROMA – “Cristianità” è il programma di cultura religiosa di Rai Italia.Ogni domenica, suor Myriam Castelli – ideatrice, autrice e conduttrice da 15 anni – propone temi di interesse ecclesiale e gli appuntamenti del Papa in Vaticano. Cristianità è uno dei  “notiziari vaticani” più attenti e più seguiti all’estero, arricchito dal contributo fondamentale di tanti ospiti in studio: Cardinali e alti Prelati, riconosciuti studiosi della grande diaspora italiana, insieme a una vasta gamma di esperti, artisti, professionisti, laici e missionari che vivono “on the road”. Un parterre di italiani che si confrontano con i contenuti della fede e i commenti culturali della modernità. Interviste, servizi e collegamenti in diretta via skype con i telespettatori dei cinque continenti.

In ogni puntata, voci, immagini, testimonianze di vita di tutte le generazioni, con le immagini delle feste organizzate dagli italiani in tanti Paesi del mondo dove è presente un’italianità laboriosa, attaccata alla propria terra d’origine e soprattutto alla cultura cristiana.

Al via il nono viaggio internazionale di Papa Francesco, dal 5 al 13 luglio con tappe in Ecuador, Bolivia e Paraguay, tre Paesi già visitati da San Giovanni Paolo II. Sette giorni di viaggio nel Continente giovane, tra abbracci con il popolo, incontri con diverse culture ed etnie, momenti mariani e cambi di temperatura; dalle Ande all’Oceano Atlantico, fino alle Amazzoni e Rio de la Plata passando dai quattromila metri di altitudine fino al livello del mare.

Tante le aspettative del popolo sudamericano, che attende con gioia Francesco che giunge per percorrere soprattutto le periferie a lui tanto care. Il Papa argentino ben conosce la storia di questi Paesi, fatta di regimi autoritari, militari, di popoli che neanche duecento anni fa hanno conquistato la propria indipendenza e risentono ancora di vari conflitti.

Al popolo il Pontefice rivolgerà la sua parola di incoraggiamento e l’invito a un rinnovamento della vita sociale che favorisca lo sviluppo partecipativo e democratico. Ben 22 discorsi, abbracciando un’ampia gamma di lingue (quechua, aymara, guaranì) ed etnie (indigeni e meticci) e prevedibilmente tanti discorsi a braccio in lingua spagnola e tanti fuori programma per un viaggio multietnico e multiculturale.

Il primo abbraccio con la folla sarà a Guayaquil in Ecuador, dove sono attese un milione e mezzo di persone con la Messa dedicata alla famiglia. Due importanti visite ai Santuari mariani, quello della Divina Misericordia a Guayaquil e dell’Immacolata a Caacupè, in Paraguay.

Tra gli ospiti:  Mons. Javier Guillermo Karcher, Officiale della Segreteria di Stato, Giacomo Galeazzi, giornalista de “La Stampa” e Melo Cicala, italo-americano di Washington.

Per contattare la redazione scrivere a: cristianita@rai.it

Comments are closed.