danieleMancini 

ROMA – Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha incontrato questa mattina l’ambasciatore italiano a New Delhi Daniele Mancini. Ne informa il Ministero della Difesa con una nota. L’incontro, avvenuto a Palazzo Baracchini, è il primo del neo ministro Pinotti con l’ambasciatore italiano in India. Durante i colloqui è stato fatto il punto sulla questione dei due fucilieri di Marina, Latorre e Girone, trattenuti in India da due anni. Il ministro Pinotti – sottolinea la nota  – ha ribadito la volontà di seguire il caso, insieme con il Governo, con attenzione costante, con l’obiettivo di restituire i due militari alle loro famiglie nel più breve termine possibile.

E  oggi pomeriggio si è svolto un incontro informale dell’ambasciatore Mancini negli Uffici di Presidenza riuniti delle Commissioni Affari Esteri e Difesa del Senato.

“Nel corso dell’audizione l’ambasciatore italiano in India ci ha riferito sulle iniziative assunte fino ad ora sul piano diplomatico”, ha riferito Nicola Latorre, senatore del Pd e presidente della Commissione Difesa a Palazzo Madama. “Si tratta ora – ha affermato Latorre – di compiere un ulteriore salto di qualità nella internazionalizzazione del caso. Tra le altre cose, si sta valutando anche la richiesta dell’arbitrato internazionale presso il tribunale del mare di Amburgo”. “Il tribunale del mare di Amburgo è l’autorità giudiziaria che fa capo alle Nazioni Unite e riteniamo – ha spiegato Latorre – che in quella sede si possa risolvere la nostra controversia con l’India. Siamo convinti che le autorità indiane, impegnate ancora nella campagna elettorale, rivendichino in modo improprio la loro giurisdizione. I nostri soldati operavano in acque territoriali, su una nave italiana e godevano di immunità funzionale e dunque –ha concluso il senatore Pd – non possono in alcun modo essere giudicati in India”. (Inform)

Comments are closed.