(NoveColonne ATG) Roma – La legge di riforma costituzionale 459 del 2011, voluta dall’allora ministro per gli italiani nel mondo Mirko Tremaglia, ha introdotto la possibilità per i cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’Aire di poter votare nella circoscrizione Estero (introdotta proprio per l’occasione, e parificata alle altre Regioni italiane) per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica e per i referendum popolari abrogativi e confermativi. Il voto all’estero non è previsto per l’elezione dei Consigli regionali, comunali e provinciali. Nell’ambito della Circoscrizione Estero sono state individuate quattro ulteriori ripartizioni: Europa (compresa Russia e Turchia), America meridionale, America settentrionale e centrale; Africa Asia, Oceania ed Antartide. In ciascuna delle ripartizioni di cui sopra è eletto un deputato ed un senatore, mentre gli altri seggi sono distribuiti tra le stesse ripartizioni in proporzione al numero dei cittadini italiani che vi risiedono. Il totale di parlamentari eletti nella circoscrizione estero è di 18 (12 deputati e 6 senatori).Nella legislatura che sta per concludersi e iniziata nel 2007, nello specifico, in Europa sono stati eletti 6 deputati e 2 senatori; in America meridionale 3 deputati e 2 senatori; in America settentrionale 2 deputati e 1 senatore; in Africa, Asia e Oceania 1 deputato e un senatore.

Comments are closed.