21pinotti

ROMA\ aise\ – Si è aperto ieri, 20 luglio, a Washington il primo summit congiunto dei Ministri della Difesa e degli Esteri della coalizione globale contro l’Isis. L’Italia è rappresentata dai Ministri Roberta Pinotti e Paolo Gentiloni.
Al meeting, che si svolge all’indomani dei recenti attentati rivendicati dal Califfato in Europa e in Usa (Orlando), partecipano oltre 40 Paesi, che discuteranno le priorità della coalizione, dalle azioni militari ai “foreign terrorist fighter”, dal finanziamento della lotta al terrorismo alla stabilizzazione delle zone liberate.
Ieri, nella base militare di Andrews, si è svolta la Conferenza dei Paesi donatori a favore dell’Iraq contro l’emergenza Isis, promossa dagli Usa insieme a Canada, Giappone, Germania, Olanda e Kuwait, alla quale partecipano 24 nazioni.
La Conferenza, presieduta dal capo della diplomazia americana, John Kerry, e dal capo del Pentagono, Ashton Carter, punta a raccogliere oltre 2 miliardi di dollari.
“Negli ultimi anni, e in particolare negli ultimi mesi, abbiamo registrato successi militari significativi contro l’Isis, con una accelerazione riconosciuta da tutti, ma ora bisogna accrescere lo sforzo e dare il massimo contributo: l’Italia continuerà a fare la sua parte”, ha spiegato il Ministro Pinotti a margine dell’incontro. “Con 500 militari alla diga di Mosul, a ottobre, l’Italia resterà il secondo contingente più alto dopo gli Usa nella coalizione globale contro l’Isis perchè questa è una scelta fatta con determinazione dal governo, nella convinzione che il Califfato sia un cancro nel nostro mondo, nei paesi dove si insedia e dove arriva con gli attentati”, ha concluso il Ministro.
Durante l’incontro con i rappresentanti degli altri paesi, il Ministro della Difesa ha sottolineato anche l’importanza di estirpare le fonti di finanziamento, sostenendo l’Islam moderato e favorendo lo sviluppo economico, proprio come sta facendo l’Italia con la diga di Mosul, e di eliminare l’Isis dai territori che occupa per fermare gli attentati e impedire loro la possibilità di addestrarsi e fare propaganda.
Oggi, 21 luglio, è in programma la sessione plenaria tra i Ministri della Difesa e degli Esteri. (aise

Comments are closed.